Arrivano le quadrantidi: le stelle cadenti del 2019


Quadrantidi stelle cadenti

Arrivano le Quadrantidi, le prime stelle cadenti del 2019! Quando ha inizio un nuovo anno, tutti, in cuor nostro, esprimiamo uno o più desideri. Sono tante le cose che ci aspettiamo da questo 2019, e solo qualche giorno fa abbiamo avuto l’occasione di esprimere i nostri desideri in un modo davvero speciale!

Il 2019 infatti, almeno da un punto di vista astronomico, è iniziato in modo davvero “scoppiettante”. Nella notte tra il 3 e il 4 Gennaio il firmamento è stato animato da uno degli spettacoli che, da sempre, hanno il potere di farci volgere gli occhi verso l’alto e di sognare: una pioggia di stelle cadenti.

Le quadrantidi, le stelle cadenti invernali

quadrantidi
Fonte: www.adastralapalma.com

Le stelle cadenti non sono affatto “stelle”, ma sono meteore, ovvero frammenti di corpi celesti che, entrando nell’atmosfera terrestre, si incendiano. Ecco il perchè di quella luminosità subitanea e improvvisa che accende il cielo notturno per pochi secondi.

Tutti conosciamo le Perseidi, ovvero le stelle cadenti di Agosto, quelle associate al giorno di San Lorenzo. Le Quadrantidi sono meno note ma molto più numerose e prendono il loro nome da una costellazione che non esiste più.

Questa costellazione era detta del Quadrante Murale e si trovava tra quelle del Boote e del Drago. Oggi però è considerata obsoleta, tanto che le Quadrantidi sono più spesso note come Bootidi. Altra curiosità delle Quadrantidi è che gli astronomi ritengono che siano “figlie” non di una cometa, ma di un asteroide chiamato 2003 EH1.

Chi ha potuto vedere le Quadrantidi

quadrantidi o bootidi
Fonte: www.travelandleisure.com

Laddove le condizioni meteorologiche lo permettevano, nella notte tra il 3 e il 4 Gennaio 2019, tra la mezzanotte e le 3 del mattino, lo spettacolo delle stelle cadenti dette Quadrantidi è stato osservato dal nord al sud di tutta la penisola italiana. Inoltre è stato ben visibile in tutta Europa quest’anno. E si è trattato di uno spettacolo che è ben valso la pena di sopportare un po’ di freddo.

Queste meteore sono infatti molto numerose: ne sono cadute oltre 100 all’ora. Durano meno di altri sciami meteorici, infatti si sono concentrate solo nelle poche ore notturne di cui abbiamo parlato, ma hanno un’intensità tale che non avvistarne nemmeno una è praticamente impossibile.

Naturalmente si deve sempre avere l’accortezza di andare in uno spazio lontano dall’inquinamento luminoso delle città. Le Quadrantidi si sono potute osservare vicino al Grande Carro, e hanno animato il cielo insieme alla falce di Luna calante e ad uno straordinario allineamento planetario.

Non è stato necessario alcun telescopio, perché le meteore erano facilmente osservabili anche ad occhio nudo, complice la scarsa luminosità della Luna. Quindi molti appassionati astrofili si sono ben equipaggiati contro il freddo notturno e hanno atteso di poter esprimere il proprio desiderio.

Quando torneranno le Quadrantidi

Se questa volta non sei riuscito ad avvistare nemmeno una stella cadente, o se ti sei perso del tutto questo appuntamento con il cielo, non ti devi scoraggiare. Potrai affidare il tuo desiderio alle Perseidi quest’estate, o ad un altro dei numerosi sciami meteorici che periodicamente attraversano l’atmosfera terrestre.

Loading...

Le Quadrantidi torneranno nuovamente a solcare il firmamento nel Gennaio 2020, per illuminare sogni e speranze di un ennesimo nuovo anno.