Rosa blu: significato e leggenda


rosa blu leggenda

La rosa blu, in natura non esiste ed è per questo che le è stato attribuito come narra una leggenda, un potere magico e misterioso. La rosa blu simboleggia ciò che è irraggiungibile e impossibile da trovare.

Si conoscono più di 30.000 varietà di rosa ed è inutile sottolineare che è da sempre considerata la regina incontrastata dei giardini, data l’eleganza e la raffinatezza di questo fiore. I greci pensavano che la rosa fosse stata creata da Afrodite, mentre i romani la usavano come simbolo di bellezza e amore.

I colori delle rose variano di tonalità e offrono una quantità infinita di sfumature. Dalla rosa gialla a quella bianca, alla rosa rossa, la più apprezzata dalle donne come simbolo di amore appassionato e sentimenti profondi.

Tuttavia tra le tante nuance, le uniche rose che si avvicinano alla rosa blu sono la rosa porpora o la rosa lavanda quando con il passare dei giorni iniziano a scurirsi. In passato sembra ci siano state testimonianze rispetto alla presenza della rosa blu in alcuni giardini, ma non sono mai state confermate. I botanici moderni pensano che possano averla scambiata con l’ Hibiscus Syriacus o ‘ rosa di Sharon’.

La rosa blu nel linguaggio dei fiori

Il fatto che non esista, rende la rosa blu simbolo della natura umana: desiderare ciò che in realtà non può avere. Il significato della rosa blu nel linguaggio dei fiori, esprime un amore irraggiungibile o un amore non corrisposto. Può anche avere un significato assimilabile a quello per la rosa viola, ossia di amore a prima vista. Data la rarità di questo tipo di fiore, donare una rosa blu alla propria amata simboleggia il suo essere unica e speciale.

Rosa blu storia

La rosa blu, come già detto non esiste in natura. Quella che capita di vedere dai fioristi è il frutto di un processo di colorazione che si basa sull’uso di pigmenti e che rende i petali della rosa di colore blu. Nel 2004 con le moderne tecnologie fu tentata una modificazione genetica sulla rosa bianca, ma le sfumature della rosa tendevano al viola. Nel 2008 sembra che l’esperimento sia riuscito e in Giappone furono vendute le prime rose blu modificate.

Nel corso dei tempi la rosa blu è stata raffigurata nell’arte, nella letteratura e descritta in molte leggende e miti. Persino il cantante Michele Zarrillo in tempi moderni, parla di una rosa blu tatuata sulla pelle della sua amata e sono molte le fiabe in cui compare questo fiore dai poteri magici.

Rosa blu leggenda cinese

Tra le tante leggende sulla rosa blu, oggi voglio raccontarvene una che viene da molto lontano e che appartiene al folklore cinese.

Si narra che la figlia bellissima di un imperatore, aveva raggiunto l’età da matrimonio. Suo padre voleva essere certo che i pretendenti meritassero per valore ed onestà la mano della giovane ragazza, e quindi con il suo consenso la promise a colui che le avrebbe portato in dono, una rosa blu. Non era un’impresa facile, dal momento che le rose di quel colore nessuno le aveva mai viste. Tuttavia i vari pretendenti non si persero d’animo e iniziarono ad ingegnarsi in mille modi pur di essere scelti come sposi.

Non si raggiunge la felicità con l’inganno

Uno di loro si recò da un fiorista del luogo e pretese di far verniciare una rosa con il colore blu, ma quando si presentò al cospetto della ragazza una goccia di vernice cadde dai petali e lei lo caccio in malo modo. Un altro giovane fece scolpire una rosa su uno zaffiro, minacciando di morte un uomo del villaggio, ma quando si presentò dalla figlia dell’imperatore lei disse che non avrebbe mai sposato un uomo con un cuore duro come una pietra.

Un terzo pretendente molto astuto, si rivolse ad un mago, affinchè creasse in una scatola l’illusione di una rosa blu, ma quando la offri alla ragazza e lei tentò di afferrarla, la sua mano attraversò lo stelo e la rosa scomparve. Indignata disse al giovane, che non avrebbe mai sposato un uomo ingannevole e lo liquidò in un istante.

Arrivò la sera e la ragazza ormai sconfortata e delusa, notò un giovane giardiniere, intento a curare il giardino del palazzo. Gli si avvicinò e gli disse che desiderava sposarlo. Poichè ormai la condizione era stata dettata dall’imperatore, il giovane le promise che le avrebbe portato una rosa di colore blu, il mattino seguente.

Loading...

L’essenziale è invisibile agli occhi

L’indomani il bel giardiniere si presentò al cospetto della ragazza, offrendole in dono una semplice rosa bianca. Tutti i presenti iniziarono a bisbigliare e mostrare disappunto per quella rosa così comune. Allora la ragazza tocco i petali della rosa e con gli occhi pieni di amore disse:”Questa è una rosa blu’ L’imperatore non potè che credere a sua figlia, perchè se lei affermava che fosse blu, la rosa era senza dubbio di quel colore. Acconsentì alle nozze e i due giovani vissero per sempre felici e contenti.